Libertà di disinformazione


Libertà di disinformazione

Volete la certezza, o quasi, di una notizia? Avete dubbi su quanto riferisce un giornale o un tg? Punto primo: imparate il danese, o se vi risulta difficile, provate col finlandese o con l’irlandese. E’ in queste tre lingue, nell’ordine, che sono scritte le informazioni più corrette al mondo. Almeno stando all’ottavo rapporto – 2009 di Reporters sans frontieres, associazione indipendente che segnala il grado di libertà di stampa in 175 paesi del mondo.

L’attendibilità dei giornalisti è buona anche in Norvegia, seguita da Svezia, Estonia, Olanda, Svizzera, Islanda e Lituania. I paesi forti sono così posizionati: Stati Uniti 22°, Russia 153^, Cina 168^. E l’Italia? Nel 2008 si trovava al 44° posto e ora è scivolata al 49° in buona compagnia: tra Hong Kong (48^ posizione) e Romania (50^).

E il terzo mondo da noi tanto criticato, come si colloca? La Giamaica è al 23° posto, il Ghana al 27°, Trinidad e Tobago al 28°. Sono più attendibili dei nostri persino gli organi di informazione del Mali (31°), del Sudafrica (33°), della Namibia (36°), di Bosnia Erzegovina (39°), Guayana (41°), Surinam (42°), Capo Verde (44°). Ecco, per consolarci possiamo sempre dire che c’è più libertà di stampa in Italia che nel Burkina Faso (57^ posizione), ad Haiti (58^), in Kuwait (60^) o nel Botswana (62^); per non parlare di chi chiude la classifica: Turkmenistan (173^), Corea del Nord (174^) e Eritrea (175^). Ma è davvero una grande consolazione?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...