Benigni a Sanremo


Risorgimento, oggi

Aveva solo vent’anni, all’epoca a quell’età si era ancora minorenni, il genovese Goffredo Mameli quando scrisse le parole dell’inno d’Italia. E dopo sei mesi, per la liberazione di quell’Italia, morì a Roma. E come lui erano giovanissimi i tanti che diedero le idee, le passioni e la vita per unificare i tanti staterelli oppressi che componevano un Paese che aveva e ha una sola lingua e che è unico al mondo per tanta ricchezza di cultura, storia, inventiva, arte. Passione e risveglio delle coscienze. In una parola, Risorgimento.

(Nell’inno sussurrato al Festival di Sanremo, Roberto Benigni immagina come potesse cantarlo, la sera prima di una battaglia per l’indipendenza italiana, un ragazzo che non era certo che l’indomani avrebbe portato a casa la pelle).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...