Gheddafi minaccia


Gheddafi delira e minaccia il pugno di ferro

Un Gheddafi delirante, per un’ora, impugnando a volte il codice penale, ha parlato alla tv libica dalle rovine del suo palazzo distrutto nell’86 dal bombardamento americano di Reagan, e che da allora è un museo. Con veemenza ha accusato i giovani che protestano contro di lui in piazza, di essere stati drogati dalle potenze occidentali, tra cui Italia e Stati Uniti. Contro la protesta ha annunciato di voler scatenare una reazione fortissima, come mai si è vista da altre parti nel mondo. Ha annunciato la pena di morte per i giovani, ha detto che la sua risposta ancora non si è fatta sentire e ha accusato l’Italia di aver aiutato e illuso i rivoltosi. Poi si è allontanato tra un pugno di fedelissimi armati, su un veicolo a due posti, come quelli usati dai golfisti. Intanto l’est della Libia non è più sotto il controllo del regime.

Il colonnello dimentica che nel 1969, quand’era un oscuro capitano dell’esercito libico, fu il governo italiano ad aiutarlo nel colpo di Stato con cui scalzò il re: pochi mesi prima del golpe Gheddafi si incontrò con i servizi italiani in un albergo di Abano Terme. Da allora il nostro Paese è sempre stato accondiscendente rispetto alle sue stranezze, alle sue assurde richieste e ha chiuso gli occhi di fronte agli assassinii commessi dal suo regime a danno dei dissidenti. Un esempio per tutti la rivolta in un carcere nel 1996, costata la vita in un solo pomeriggio, a 1.200 detenuti per motivi politici. Intanto in questi giorni di scontri e bombardamenti aerei alla sua gente, il dittatore più amato dagli italiani (ma non ricambiato) ha provocato almeno 1.000 morti. E’ in atto un genocidio.

Pesano molto di fronte al mondo intero e di fronte alle nostre coscienze queste immagini di Berlusconi che si inchina davanti al raìs libico (definito un grande amico) e con un gesto del tutto eccessivo e immotivato gli bacia le mani: come un cristiano fa col Papa, come un mafioso fa col suo boss. Nelle immagini il video discorso di Gheddafi e il baciamano di Berlusconi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...