Londra, la protesta brucia


Londra, protesta anti crisi

Il governo conservatore del britannico Cameron è chiamato a fare i conti, dopo molti anni di relativa calma, con contestazioni e scontri di piazza. Sabato 26 marzo il centro di Londra è stato testimone di violente devastazioni da parte di 500 black block staccatisi da un corteo di 300.000 persone che protestavano contro i tagli pubblici. Devastati molti negozi, banche, assicurazioni. Tra questi HSBC, Lloyds e Santander, McDonalds, Topshop e Dorothy Perkins. In frantumi le finestre dell’hotel Ritz; uno storico negozio è stato preso di mira perché accusato di evadere le tasse. La protesta pacifica organizzata dai sindacati, ha visto scendere in piazza poliziotti in borghese, medici, sacerdoti, Organizzazioni non governative, gente qualunque. Gli incidenti che hanno anche provocato incendi, sono durati tutta la notte.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...