Il referendum passa


Plebiscito di sì ai 4 referendum

Il quorum per i 4 referendum è stato abbondantemente superato e i hanno vinto con un risultato plebiscitario: il 95% dei votanti. Lo dicono i dati del Viminale dopo il voto nei 8.092 Comuni. Il risultato più eclatante indica che gli italiani sono in disaccordo con il governo e non hanno seguito le sue indicazioni (Berlusconi e Bossi) di non votare. Gli elettori infatti sono andati ai seggi facendo superare ai referendum il quorum, portandolo al 54,8%, con il 95% dei di media per tutti i 4 referendum. Bersani, prima di chiedere le dimissioni del governo, citando il risultato del referendum sul divorzio del 1974 ha detto che Questo del 2011 è stato il referendum sul divorzio degli italiani da Berlusconi: Berlusconi che aveva suggerito agli italiani di non recarsi a votare. Gli hanno disobbedito ben 27 milioni 629.528 persone. Un numero non di poco conto (nei referendum non si vedeva da 15 anni) che dovrebbe far riflettere, anche perché tra questi elettori c’erano pure tanti del centrodestra. E quelli che col voto si sono dichiarati apertamenti contro le decisioni prese dal governo in materia di acqua pubblica, nucleare e giustizia sono stati 26 milioni 248.052 italiani.

Questi i risultati finali (territorio nazionale più votodi 3 milioni di italiani all’estero). Al 1° referendum sull’acqua pubblica ha detto il 95,3% dei votanti, al 2° sull’acqua pubblica ha votato il 95,8%, al 3° sul nucleare ha detto Sì il 94,1% e al 4° referendum sul legittimo impedimento ha votato Sì il  94,6% di quanti si sono recati alle urne. Alla resa dei conti gli italiani (25 milioni e mezzo di italiani) si sono espressi a gran voce (come già 25 anni fa) contro le centrali nucleari e a favore dell’acqua pubblica gestita da enti pubblici, non fidandosi delle aziende private; e hanno dichiarato di non volere che presidente del Consiglio e ministri si mettano a riparo dai processi che li riguardano, dal momento che la legge dev’essere uguale per tutti. Un risultato che va nella direzione di una forte domanda di moralizzazione della cosa pubblica. Le regioni in cui si è votato di più sono Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna col 64% degli elettori. Seguono Toscana col 64%, Marche col 61%, Valle d’Aosta col 60%, Liguria, Piemonte e Umbria col 59%,  Friuli, Veneto, Lazio, Sardegna e Molise col 58%, Abruzzo col 57%. Più sotto Lombardia e Basilicata col 54%, Puglia, Campania e Sicilia col 52 e Calabria col 50%.

Nel video una pacifica manifestazione di persone che, dopo il voto, si sono recati in bicicletta a palazzo Grazioli (sede romana del premier) chiedendo le dimissioni del governo.

Risultati anticipati dal saluto al bunga bunga

Solo poche ore prima del risultato referendario, alla conferenza stampa del vertice italo-israeliano, Berlusconi non è riuscito a trattenersi dalle sue gags e al premier Netanyahu ha indicato nella tela che rappresentava il Parnaso alle loro spalle, uno dei protagonisti  dicendo di essere lui in un dei bunga bunga del 1811. Dopo la traduzione bunga bunga, il leader israeliano, pur sorridendo, ha tolto le cuffie: evidentemente aveva già sentito abbastanza.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...