Il silenzio di Monti


Come trattenere i giovani? Silenzio di Monti

Un lunghissimo silenzio. Così il premier Mario Monti ha risposto stasera alla domanda di Corrado Formigli in diretta a Piazzapulita su La7. La domanda seguiva un servizio sui call center di Catanzaro, dove molti giovani anche laureati lavorano per 250 euro al mese. La domanda: Come convincerebbe suo figlio laureato, assunto in un call center a 5 euro l’ora, a rimanere in Italia? La risposta del primo ministro, obiettivamente difficile da dare in questa situazione, è comunque arrivata, anche se indiretta. Monti ha citato cosa stanno facendo i suoi ministri per i giovani: Stiamo lavorando nella direzione di ricostruire l’economia italiana; ci vorrà tempo, anche se sono certo che usciremo presto dal tunnel. Stiamo sburocratizzando il lavoro giovanile, diamo sgravi fiscali a chi assume lavoratori sotto i 35 anni a tempo indeterminato, assicuriamo bonus per le assunzioni al Sud dove la disoccupazione giovanile è più forte, apriamo le roccaforti delle professioni.

Una risposta a “Il silenzio di Monti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...