Auto piange, Volkswagen ride


L’auto del popolo piglia tutto

E mentre a Madrid ci sono scontri di piazza con feriti e arresti e lo stesso avviene ad Atene, sempre per i fortissimi tagli imposti dai governi locali su indicazione della troika europea (11 miliardi e mezzo di euro per la Grecia nel biennio 2013- 2014) il mercato dell’auto europeo piange. Dovrebbe calare entro l’anno dell’8% dicono i vertici di Renault, mentre la Ford tedesca annuncia tagli come pure Opel che ha uno stabilimento a rischio chiusura a Bochum. Se le case automobilistiche europee sono in lacrime, il colosso mondiale Volkswagen ride e annuncia entro il 2014 il lancio di ben 140 nuovi modelli. Peccato che pensando alla Volkswagen (letteralmente auto del popolo) tornino in mente i fantasmi legati alle sue origini: la volle infatti nel 1937 Adolf Hitler, che al progettista indipendente Ferdinand Porsche diede incarico di costruire auto solide e molto meno costose delle Mercedes- Benz. Ma la storia delle industrie automobilistiche è sempre stata legata ai governi e quindi anche ai regimi dittatoriali, come accadde a Fiat in Italia, che su sollecitazione del fascismo lanciò nel 1936 la popolare Topolino.

Il gruppo Volskwagen, in linea col concetto di concentrazione industriale e di globalizzazione, ha una scuderia piuttosto ben fornita: nel 1964 ha acquistato il 99,55% di Audi, nel 1985 la Seat, nel 1991 la Skoda, nel 1998 Bentley, Bugatti e Lamborghini, nel 2008 il 70,9% di Scania AB, nel 2010 il 19,9% di Suzuki, nel 2011 il 50,7% di Man SE e nel 2012 Porsche e Ducati. E’ tra l’altro proprietaria dal 2010 del 90,1% di Italdesign Giugiaro (inclusi i diritti di marchio e i brevetti) e da tempo ha messo gli occhi su Alfa Romeo… Di questo passo intende diventare entro il 2018 il primo produttore mondiale di automobili e promette di lanciare per ogni nuovo modello una versione ibrida. Di strada ne ha fatta da quel primo Maggiolino del 1946 (in foto)

Annunci

2 risposte a “Auto piange, Volkswagen ride

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...