Guerra atomica


Nucleare, chi si arma e chi non ha nemmeno l’esercito

La Corea del Nord avrebbe la capacità di colpire gli Stati Uniti con i suoi missili nucleari e l’Iran sarebbe a un passo dal dotarsi della sua prima bomba entro un anno. Sono gli allarmi lanciati dalla stessa Corea comunista e da chi negli Usa sta monitorando la situazione nucleare di Teheran. Il mondo, giustamente, si preoccupa perché aumentare gli arsenali nucleari pensando a un loro ipotetico impiego è semplicemente sconvolgente oltre che drammaticamente criminale. Ma, viene da dire, questo è frutto non solo della speranza di rendersi inattaccabili usando l’arma della deterrenza: questo è figlio di una politica che i due blocchi (Usa – Urss) hanno portato avanti per decenni prima che il colosso sovietico si sciogliesse come neve al sole.

Oggi chi è in grado di scatenare un conflitto nucleare sono 9 nazioni: Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia (stranamente i 5 membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU), India, Pakistan, Corea del Nord, Israele. La stessa Italia, pur non essendo un Paese nucleare, è dotata di 90 testate atomiche americane sotterrate nei bunker delle basi Usa di Aviano (Pn) e di Ghedi (Bs): in Friuli ce ne sono 50 e 40 in Lombardia.

La Russia detiene il primato con 11.000 testate nucleari, seguono gli Usa con 8.500, la Francia con quasi 300, la Gran Bretagna con 250, la Cina con 240, il Pakistan con circa 100, l’India con circa 90, Israele con 80 e la Corea del Nord con meno di 10 (fonte Federation of American Scientists, al 20 settembre 2011). Se ci fossero guerre nucleari locali (quella ipotizzata tra Israele e Iran, ad esempio) gli effetti devastanti sulla salute umana li vivrebbero anche i Paesi attaccanti: basta ricordare i venti che da Chernobyl portarono la contaminazione in Europa o le particelle dei test nucleari effettuati nel mondo a partire dal Nuovo Messico nel 1945… E se poi venisse usata anche solo una parte dell’immenso arsenale delle 9 nazioni nucleari, le conseguenze sarebbero la distruzione totale del pianeta facendo terra bruciata di persone, animali, piante, trasformando la Terra in qualcosa di simile a Marte dove forse sopravviverebbero solo i batteri più resistenti.

E’ giusto quindi preoccuparsi, ma chi può davvero dire: Francia e Gran Bretagna è giusto che abbiano la bomba atomica e, per esempio, Brasile no? Chi ha il diritto di dire: questo Paese è buono e quest’altro è cattivo? Siamo sempre là: se il mondo fosse quello che dovrebbe essere, non ci sarebbero Stati che temono attacchi (terroristici o militari) da parte di altri. Si sono mai sentite minacce di ritorsioni contro Costa Rica o Vaticano o Principato di Monaco che non hanno mai inviato truppe di conquista in giro per il mondo? Questi tre Paesi, ad esempio, sul totale dei 195 Stati sovrani presenti sulla terra, sono nel gruppo dei 24 virtuosi che non hanno esercito: Andorra, Barbados, Costa Rica, Grenada, Haiti, Islanda, Isole Marshall, Isole Salomone, Kiribati, Liechtenstein, Mauritius, Micronesia, Nauru, Palau, Panama, Principato di Monaco, Dominica, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, Samoa, Santa Lucia, Tuvalu, Vanuato, Vaticano. Palau e Filippine sono gli unici due Paesi al mondo ad avere una Costituzione dichiaratamente anti nucleare. E nessuno non solo li minaccia, ma nemmeno pensa di invaderli. Forse sarebbe il caso di farsi la domanda retorica: perché? (illustrazione: http://www.deesillustration.com).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...