Guerra ai poveri


Si multa chi ruba nei cassonetti

Il Comune multa chi ruba nei cassonetti. Siamo arrivati a questo nella guerra tra poveri: poveri che si appropriano di ciò che gli altri buttano; poveri Comuni costretti a razzolare nelle tasche di chi a sua volta razzola nella spazzatura. Segno dei tempi. Sembra strano, ma questa lanciata dall’ANSA il 15 novembre è la notizia di una sanzione emessa dal Comune napoletano di Castellammare di Stabia. La multa, per chi prende gli scarti degli altri cittadini, va da 50 a 500 euro: cifra spropositata per chi, evidentemente, non ha nulla.

Ma va da sé che il potente se la prenda sempre col più debole. A meno che non si tratti di industrie che incaricano dei poveracci di razziare i cassonetti per rivendere cenci o vestiti usati nelle boutiques… In realtà l’ordinanza è giustificata dalla sporcizia creata da chi, per appropriarsi di qualcosa di utile, lascia poi imbrattata la strada con quel che trova nei cassonetti.

Va anche detto che introdursi negli speciali cassonetti metallici della Caritas (come ho visto fare di notte a Padova ad una ragazzina di colore) è molto pericoloso perché si rischia di restar dentro incastrati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...