Impresa etica


Cinque milioni di utili?

Li regalo ai miei operai

Ci sono imprenditori che gli utili li portano alle isole Cayman e altri che li usano per rinnovare il parco macchine aziendale, altri ancora preferiscono convertirli nell’ultimo modello di yacht e in altri benefit di lusso personali. E poi c’è Brunello Cucinelli, il re del cachemire mondiale, il quale va decisamente in controtendenza: per Natale farà un bel regalo ai suoi 783 dipendenti, dividendo con loro i 5 milioni di euro di utile di quest’anno. Il che significa 6.385 euro a testa.

La sua azienda quotata quest’anno in Borsa (il primo giorno il titolo è aumentato del 49,7%), è in continua crescita e per questo l’imprenditore umbro intende premiare chi ha reso possibile tale risultato. Lontana anni luce dall’immagine della city, questa industria fondata nel 1978, dal 1985 si è trasferita nel borgo trecentesco di Solomeo (Perugia) (nella foto sotto) sposando una filosofia nuova, che ai termini produzione e profitto ne unisce altri dal sapore decisamente più umano: capitalismo etico e impresa umanistica.

Nell’elegante sito della Brunello Cucinelli che si apre con la frase di SocrateL’amore per la conoscenza riecheggia nei nostri cuori e nutre la grandezza dei pensieri – si legge: Non vorrei vivere in un mondo dove ogni cosa si riconduce sterilmente al solo profitto. Il denaro riveste un vero valore solo quando è speso per migliorare l’esistenza e la crescita dell’uomo, ed è questo il nostro fine. Così parte dei profitti finora erano stati reinvestiti nell’azienda e parte nella riqualificazione dell’antico borgo, dov’è sorto il Foro delle arti con teatro, anfiteatro, giardino dei filosofi.

Come si vive nell’azienda etica di Solomeo? Lo si capisce fin dall’ingresso, vedendo che gli operai non timbrano il cartellino (abolito). Qui poi non si deve rispondere alle solite gerarchie; gli operai ogni giorno mangiano nelle due mense aziendali, ma non pasti riscaldati che arrivano da chissà dove portati da una multinazionale del catering: sono preparati con cibi naturali locali la stessa mattina dalle massaie del borgo di Solomeo.

Ciò che fa grande nel mondo l’azienda di questo imprenditore perugino (nato a Castel Rigone 49 anni fa) è il fatto di produrre e vendere cachemire in tutti i continenti, nei 59 negozi monomarca che si trovano a Milano, Parigi, Roma, New York, Londra, Tokyo, Mosca, Ginevra, Amburgo, Miami, Las Vegas e in mille altri punti vendita.

Il capitalismo che vorrei

Sempre nel suo sito, Brunello Cucinelli a mo’ di credo, precisa qual è il capitalismo che vorrebbe. Sogno una forma di capitalismo moderno con forti radici antiche, dove il profitto si consegua senza danno od offesa per alcuno e parte dello stesso si utilizzi per ogni iniziativa in grado di migliorare concretamente la condizione della vita umana: servizi, scuole, luoghi di culto e recupero dei beni culturali… Ora si capisce il perché di questa coraggiosa scelta natalizia; il perché dello spostamento dell’attenzione (in questo momento di crisi) sui bisogni più materiali delle persone reali.

Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni… ricorda (con questa frase di Shakespeare) questo imprenditore illuminato.

 

Una risposta a “Impresa etica

  1. Do you mind if I quote a couple of your posts
    as long as I provide credit and sources back to your site?
    My website is in the exact same area of interest as yours and my users would
    genuinely benefit from a lot of the information you
    provide here. Please let me know if this okay with you. Thanks!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...