Grillo: Siamo la rivoluzione francese senza la ghigliottina


1172018-presentaSiamo la rivoluzione francese senza la ghigliottina

Sintesi del discorso di 20 minuti tenuto da Beppe Grillo alle ore 17 del 29 marzo in diretta streaming su La Cosa, tv del M5S

C’è confusione tra sondaggi, esterni, professori in televisione… Devono capire che per loro è finita. Devono andare via tutti. Un governo misero c’è. Si potrebbe domattina andare in Parlamento e fare: sarebbe un segnale, ma questa gente non ha ancora capito cos’è il movimento, cosa sono i cittadini, parole che in bocca a queste persone sono parolacce.

Siamo su due prospettive diverse. Noi abbiamo parole come comunità, senso della solidarietà, reddito di cittadinanza, nessuno deve rimanere indietro.

I grillini sono responsabili del governo? Ci vuole un neurologo per capire queste persone. Noi entreremo in Parlamento adesso o tra un po’, ci entreremo facendo quello che abbiamo detto nei nostri 20 punti. Non riusciamo a capire perché siamo al 60° posto per libertà di stampa… Abbiamo 3 televisioni in mano a tre partiti… Questo Paese è strano, abbiamo 8 milioni di persone che votano ancora Berlusconi, 19 milioni di pensionati, 4 milioni di impiegati statali… Tutti adesso si accorgono delle piccole e medie imprese che chiudono ogni giorno, della pressione fiscale al 40%, del costo del lavoro più alto d’Europa… Siamo costretti ad inventarci un mondo diverso che non può provenire da chi ha creato i problemi. Questa gente va messa da parte con la carezza di un primario che gli sussurri all’orecchio “E’ finita”. Chi si dice deluso che non abbiamo dato la fiducia, ha sbagliato il voto perché non l’abbiamo mai detto che l’avremmo data. Siamo la rivoluzione francese senza la ghigliottina; siamo un miracolo che sta guardando tutto il mondo… Il Parlamento è un’aula vuota dove ci son nominati e non eletti… Ci sono ancora pregiudicati, eletti parlamentari che non sanno cosa stanno votando… Accarezzateli e accarezzate anche i giornalisti. Questi giornali che propagano sulle loro pagine precariato, giovani senza lavoro, sono i giornali sovvenzionati con i soldi degli italiani e noi andremo anche lì a vedere quelle sovvenzioni. Peggio la casta dei giornalisti di quella dei politici; i giornalisti cominciano a essere terrorizzati e hanno ben ragione di esserlo. Questo loro sistema medievale di fare informazione… Sono orgoglioso di appartenere al Movimento 5 Stelle…

Un giornalista mi ha detto “Tanto siete come gli altri, usate anche voi l’auto blu” riferendosi a quello in Sicilia che è il vice presidente della Regione: doveva andare a 150 km da Palermo e lui ha rinunciato all’auto blu e ai finanziamenti. I grillini vanno in auto blu: vogliono farci apparire come loro e anzi peggio di loro, come quelli che vogliono apparire i più onesti e invece sono i peggiori. Ma noi vinceremo con le nostre idee e con la nostra forza. Siamo noi i nuovi francescani, nati il giorno di San Francesco. Noi vinceremo, per forza, non hanno scampo. Ce ne fosse stato uno che sia un uomo, che dica “Scusate ho sbagliato”. E’ che non sono neanche uomini. Gli italiani continueranno a sostenerci e noi questo Paese lo cambieremo. E’ un Paese con gente meravigliosa, l’ho conosciuta io girando l’Italia in camper. Abbiamo acceso una speranza. Siamo costretti ad avere un’idea diversa di mondo. Io non mi sarei mai messo in politica, avevo i soldi guadagnati in 41 anni di lavoro. Ma mi sono messo in gioco, sono qui con la scorta, con la polizia, perché pubblicano anche il mio indirizzo di casa. Benissimo.

Una risposta a “Grillo: Siamo la rivoluzione francese senza la ghigliottina

  1. bisogna congelare tutto e pagare le imprese x ripagare dipendenti e fornitori far ripartire i lavori delle imprese x rialzare l’economia, congelare tutto tra stato e imprese e privati senza blocchi solo così inizia a dare respiro al’italia,pensionamento a 60 anni x dare lavoro ai giovani e disoccupati, convogliare gli ex ammorttizatori sociali a supporto delle pensioni dei 60 anni , eliminazione immediata di equi italia con azzeramento dei debiti totali tra stato e cittadino e imprese, anche qui continuando la staticità e rimanere fermi l’italia perde molto di più del recupero di equiitalia, quindi azzeramento equiitalia e partenza a razzo impresa, agricoltura ,edilizia ecc.ecc.!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...