Elezioni comunali 2013


Peppone_24maggio1Sindaci senza stelle

Il risultato delle comunali 2013 che taglia fuori i candidati sindaci cinquestelle, mi sembra chiaro nel segnale che ci invia. Agli italiani delle comunali (sarebbe sbagliato considerarli alieni o saggi solo quando è funzionale al proprio ragionamento) evidentemente non è piaciuto il rifiuto di Grillo di far nascere un governo col proprio appoggio; Grillo che poi, di fronte al prete che chiedeva se qualcuno aveva da obiettare al matrimonio tra PD e PDL, è rimasto zitto, dicendo ai vicini Visto che si amavano….. In realtà sono stati costretti a sposarsi per sopravvivere al ciclone della protesta popolare: e questo Grillo lo sapeva bene, ma non si è opposto; anzi si è augurato che il rito avesse luogo per assistere all’inevitabile divorzio e fare poi man bassa dei regali di nozze. Nel frattempo però nessuno si è preoccupato troppo, sposi, invitati e celebrante, della frana che stava devastando il paesello.

Che PD e PDL (come sostengono i M5S) avessero da sempre in animo di unirsi, non lo credo ed è comunque secondario perché se il M5S avesse dato la fiducia a Bersani, il PDL sarebbe stato messo nell’angolo dell’opposizione e non addirittura al governo come ora: non va dimenticato che tutti i partiti tradizionali, per paura di essere spazzati via dal ciclone Grillo, erano e sono disposti a tutto! E lo si è visto con la nascita del super governo Letta che ha semmai portato allo scoperto la parte del PD più marcatamente di destra. Una volta assicurata la fiducia a Bersani (certo più vicino alle posizioni di Grillo rispetto a Berlusconi) il M5S avrebbe potuto fare quel che fa ora, votando e proponendo leggi che ritiene sagge, ma da una posizione di netto vantaggio. Avere il voto del 25% degli italiani e dire No grazie in attesa di raggiungere il 51% non è piaciuto alla maggioranza dei votanti cinquestelle (avrebbe potuto essere diversamente?), e poi evidentemente sono piaciuti poco i candidati locali, ma su questo non si può fare una colpa a nessuno, nemmeno a loro.

Considerazione finale a proposito di elezioni. Perché per fare l’idraulico devo seguire un corso e per diventare assessore, sindaco, parlamentare, ministro, no? Forse perché siamo anche meno di … cittadini del tubo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...