I primi 50 giorni del M5S


scatolettaI primi 50 giorni del Movimento 5 Stelle

Mentre la stampa italiana si agita sulla guerra intestina al Movimento 5 Stelle, andiamo a vedere cosa finora ha prodotto il movimento nato per scardinare l’apparato burocratico – affaristico della partitocrazia nazionale e oggi segnato dalla sfiducia di chi – non avendo “sposato” il suo progetto politico – l’aveva votato augurandosi che impedisse un governo di larghe intese. Presentandosi come forza di opposizione (anziché come alleato di governo o come appoggio esterno) ecco cosa, nei primi 50 giorni (dal 15 aprile al 7 giugno) è riuscito a far approvare e quanto ha proposto.

Emendamenti approvati

Emendamento al decreto 40 miliardi (4 dei 52 presentati dal M5S): in pratica è riuscito a far sì che saranno pagate anche aziende che, per colpa della crisi, hanno faticato a versare i contributi; e che, solo in alcuni casi, lo Stato tratterrà i contributi dovuti ma le aziende saranno comunque pagate.

Presentazione in aula di 5 emendamenti di altra natura: nessuno approvato.

Ordini del giorno approvati

3 sui 3 presentati: impegnano il governo alla priorità del pagamento di imprese non coinvolte con la criminalità organizzata, al rinvio al 2014 dell’applicabilità della TARES e al monitoraggio dell’effettivo pagamento dei crediti da parte dello Stato.

 

Documento di Programmazione Economica e Finanziaria (DEF)

Presentata la relazione di minoranza per chiedere: reddito di cittadinanza, aiuti a piccole e medie imprese, riforma del mercato bancario.

grillini_nell_occhio_del_ciclone_social_2752

Discussioni in aula

Decreto 40 miliardi debiti Pubblica Amministrazione: presentati 5 ordini del giorno, 4 accolti dal governo e 1 votato all’unanimità.

ILVA Taranto: chiesta la chiusura dell’impianto a caldo, bonifica e reddito di cittadinanza.

Proposte di legge presentate

1) Nuova legge anticorruzione; 2) Eliminazione dell’IMU sulla prima casa; 3) Abolizione delle Province e destinazione di fondi alla sicurezza delle scuole (2 proposte di legge); 4)Nuove norme sul conflitto di interessi (2 proposte di legge); 5) Abolizione del contributo pubblico ai partiti; 6) Introduzione del limite di due mandati parlamentari; 7) Liberalizzazione delle giornate festive lavorative nel piccolo commercio; 8) Impignorabilità della prima casa e tutela degli stipendi dai pignoramenti; 9) Introduzione nel Codice Penale dei delitti contro l’ambiente; 10) Proposta contro il consumo del suolo; 11) Introduzione del voto di preferenza per le elezioni alla Camera e al Senato; 12) Istituzione dell’Ufficio del Garante della Salute; 13) Istituzione del consenso informato nei trattamenti sanitari, contro l’accanimento terapeutico; 14) Proposta per la ratifica della Convenzione Europea sulla lotta alla violenza sulle donne; 15) Regolamentazione dei giochi con vincite in denaro e loro divieto ai minori; 16) Divieto di propaganda elettorale finanziata da condannati per mafia; 17) Contenimento del consumo del suolo e tutela del paesaggio; 18) Modifica delle norme sull’estrazione petrolifera e di gas in mare; 19) Proposta di legge costituzionale per il riconoscimento del diritto di accesso alla Rete Internet; 20) Istituzione di una commissione d’inchiesta sulle consulenze nella Pubblica Amministrazione; 21) Ampliamento dei parametri delle pensioni di reversibilità; 22) Istituzione di una Commissione di Inchiesta sulla malasanità; 23) Sostegno alla ricerca su farmaci orfani e malattie rare; 24) Abolizione del finanziamento pubblico all’editoria; 25) Etichettatura degli alimentari con indicazione di origine della materia prima; 26) Proposta di legge per l’istituzione di una commissione parlamentare sul Monte dei Paschi di Siena; 27) Progetto di legge costituzionale finalizzato al referendum per la permanenza nell’EuroProposta per incentivare la mobilità ciclistica.

Mozioni presentate

1) Cassa Depositi e Prestiti: richiesta di rinvio delle nomine dei vertici, in nome della trasparenza e anche in vista del decreto di sblocco di 40 miliardi per i pagamenti dei debiti della Pubblica Amministrazione alle imprese; 2) Afghanistan: richiesta dell’immediato ritiro delle nostre truppe (risparmio di oltre 65 milioni al mese); 3) OGM: richiesta di bloccare preventivamente le coltivazioni OGM, in particolare il mais della Monsanto; 4) F35: richiesta immediato blocco della costruzione degli F35 e del loro acquisto e la rimodellazione della Difesa su peacekeeping, oltre alla rimozione degli ordigni nucleari in Italia; 5) Guerra in Mali e missioni estere: mozione contro l’intervento militare in Mali e per il ritiro di tutti i militari italiani nelle missioni estere; 6) Tagli scuola e cultura: richiesta di maggiori risorse alla cultura, rientro dei tagli alla scuola entro due anni e copertura cattedre vacanti; 7) Combustibili solidi secondari: mozione per impedire la trasformazione dei cementifici in inceneritori, e richiesta di moratoria immediata; 8)  NoTAV: richiesta di impegno con l’UE per il totale abbandono del progetto; 9) Riforme costituzionali: mozione per campagna informativa alla popolazione e referendum propositivo per le riforme costituzionali; 10) Legge elettorale: risoluzione per soglia minima per il premio di maggioranza, stessi sistemi di calcolo del premio di maggioranza per Camera e Senato, ripristino del voto di preferenza e uniformità delle condizioni di accesso alla ripartizione dei seggi tra liste e coalizioni; 11) Petrolizzazione Abruzzo: richiesta di  divieto delle prospezioni petrolifere e delle autorizzazioni allo sfruttamento petrolifero in Adriatico sulle coste abruzzesi; 12) Convenzione di Istanbul: proposte di legge per ratifica della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza alle donne; 13) Efficienza energetica: mozione sulle detrazioni fiscali per interventi di efficienza energetica e di ristrutturazione edilizia; 14) Sicurezza stradale: richiesta di messa in sicurezza di guard-rail e altre infrastrutture stradali, a salvaguardia dei motociclisti; 15) Parata del 2 giugno: richiesta di abolizione della parata del 2 giugno per la Festa della Repubblica, destinando i fondi ai servizi sociali.

Interpellanze presentate

1) Monte dei Paschi di Siena: si chiedono iniziative urgenti per tutelare la fondazione come patrimonio nazionale e sospendere l’approvazione dello statuto fino alla conclusione dell’inchiesta; 2) ENASARCO Case Popolari: si chiede di stabilire norme uniformi che evitino speculazioni e accessi privilegiati all’acquisto degli immobili durante la cartolarizzazione, e la sospensione degli sfratti; 3) Telecom Italia: si chiedono iniziative per salvaguardare l’azienda come asset strategico, garantendo il controllo nazionale della Rete e i posti di lavoro; 4) Richiesta alla Presidenza del Consiglio sul fallimento Deiulemar, Compagnia di Navigazione spa; 5) Esodati: si chiede che al governo di fornire il numero preciso dei lavoratori penalizzati; 6) Nomina Direttore Agenzia Digitale: si chiede più trasparenza sulla selezione degli esperti per la nomina del direttore dell’Agenzia; 7) Invasi Sardegna: si chiedono informazioni su un decreto che renderà inutilizzabili 5 invasi indispensabili all’approvvigionamento idrico in una zona già critica; 8) Legge omofobia: si chiede un’iniziativa normativa per ampliare la legge Mancino/Reale che persegue i reati contro la persona, anche a casi di orientamento sessuale e identità di genere; 9) Sistema Energetico Nazionale: si chiede un Piano Energetico Nazionale di lungo periodo; 10) Diploma magistrale: si chiede che i titolari di diploma magistrale siano equiparati agli altri nell’abilitazione all’insegnamento; 11) Detrazioni d’imposta: si chiede che il sistema delle detrazioni sia esteso a tutti i settori produttivi dell’ambito sviluppo sostenibile; 12) Tassi interessi bancari: si chiede una verifica del governo sull’attendibilità dei tassi medi di interesse comunicati da banche e intermediari; 13) Criminalità organizzata: si chiedono ulteriori indagini su denunce di ostacoli a indagini antimafia nella catena di comando a Palermo; 14) Ricostruzione L’Aquila: si chiede, nel reclutamento di nuovo personale, di attingere in trasparenza alle graduatorie del Concorsone già svolto; 15) Costa Concordia: si chiede al governo come si intenda procedere per la rimozione del relitto; 16) Manifestazione PDL Brescia: si chiede conto della presenza del ministro Alfano; 17) Viabilità siciliana: si chiede un piano straordinario per l’ammodernamento e il potenziamento della viabilità in Sicilia.

 

Interrogazioni parlamentari

1) Pignorabilità stipendi e pensioni: richiesta al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di porre il limite del quinto al pignoramento di stipendi e pensioni anche quando superino i mille euro; 2) Detrazioni fiscali per efficienza energetica: si chiedono al governo iniziative per rendere i certificati bianchi (effic.energetica) cumulabili con altri incentivi attraverso detrazioni fiscali per le aziende; 3) Pesticidi: richiesta ai Ministri di Agricoltura, Ambiente e Salute di porre un freno all’uso dei pesticidi in agricoltura, causa di inquinamento delle falde acquifere e dei terreni; 4) Decreto per la promozione del riutilizzo dei rifiuti: richiesta al Ministero dell’Ambiente per una rapida realizzazione dei decreti attuativi; 5) Mais transgenico: richiesta ai Ministeri di Ambiente, Salute e Politiche Agricole per revocare l’autorizzazione europea alla coltivazione di mais transgenico, e per una clausola di salvaguardia; 6) Commissariamento Alitalia: richiesta al Ministero dello Sviluppo economico sulle differenze tra le responsabilità dei commissari e le relative motivazioni; 7) Cessione parte di Telecom ad imprenditore cinese: richiesta a Ministeri Economia e Sviluppo per chiarimenti sulla cessione di un asset strategico per il Paese in mani straniere; 8) Concorso Vigili del Fuoco: richiesta al Ministro dell’Interno di sbloccare il turn-over del personale del Corpo dei Vigili del Fuoco, e trasparenza delle graduatorie 9) Stabilizzazione docenti precari e personale ATA: si chiede l’immediata stabilizzazione di docenti e personale ATA della scuola, che hanno lavorato almeno 36 mesi negli ultimi 5 anni; 10) Lavoratori precari impiegati negli uffici giudiziari: richiesta al Ministero della Giustizia per la stabilizzazione dei precari che da anni lavorano negli uffici giudiziari; 11) Ilva Taranto: si chiedono le motivazioni per la non sanzione, se si intende concedere proroghe all’ILVA, perché manca un piano industriale, e quali provvedimenti si prenderanno se l’ILVA non ottempera a quanto richiesto; 12) Vendita terreni demaniali: si chiede di destinare i terreni demaniali in via di cartolarizzazione a giovani imprenditori agricoli, a canone agevolato; 13) Morìa delle api, pesticidi in agricoltura: si chiede se i tre ministri di Agricoltura, Ambiente, e Att. Produttive abbiano intenzione di potenziare i controlli; 14) Istituto del Bail-In: si chiede se è stata recepita la direttiva UE sul meccanismo di salvataggio forzoso delle banche a carico degli investitori tramite prelievo dai conti correnti, e se si attiverà una protezione per i piccoli risparmiatori; 15) Sicurezza Informatica Agenzia Digitale: si chiedono iniziative per favorire la diffusione di modelli di sicurezza informatica nella Pubblica Amministrazione; 16) OGM/Clausola di salvaguardia: si chiede una regolamentazione più restrittiva per le colture OGM, e l’adozione di una clausola di salvaguardia; 17)Telecom Italia: si chiede il rinvio dello scorporo della rete Telecom, dell’aggregazione con Tre Italia, e della partecipazione di Cassa Depositi e Prestiti tramite il fondo strategico italiano.

Interrogazioni parlamentari di carattere locale

1) Terremoto Emilia Romagna: richiesta al Ministro dello Sviluppo Economico di sospendere gli studi di settore sulle aziende delle zone colpite dal sisma, e di sospendere per due anni il versamento dei tributi; 2) Terremoto Emilia Romagna: richiesta al Ministero dell’Economia di ottenere una proroga al pagamento dei mutui relativi a tutte le abitazioni colpite dal sisma; 3) Centrale nucleare Krsko: si chiede che il governo si informi presso Slovenia e Croazia relativamente alla situazione della centrale nucleare che si trova a solo 201 km dal confine friulano; 4) Arsenico nelle acque viterbesi: richiesta ai Ministeri Salute e Giustizia di misure urgenti per tutelare la salute pubblica; 5) Rigassificatore Gioia Tauro: richiesta ai Ministri dello Sviluppo Economico e Ambiente di sospendere la procedura per il rigassificatore di Gioia Tauro, in attesa del parere del Consiglio dei Lavori Pubblici; 6) Stabilizzazione precari Sardegna: richiesta a Ministero del Lavoro per dare certezze al personale amministrativo precario, e indire concorsi trasparenti; 7) Licenziamenti Golden Lady Chieti: richiesta al Ministro del Lavoro di prorogare la cassa integrazione per ristrutturazione, e di istituire un tavolo di concertazione; 8) MUOS Sicilia: richiesta al Ministro della Difesa di chiarire se i lavori siano prossimi al completamento in quanto gli americani non hanno dato seguito al provvedimento che revocava le autorizzazioni, e quali provvedimenti il governo intenda adottare; 9) Trivellazioni Sardegna: richiesta al Ministro dello Sviluppo Economico di aprire un confronto, sospendendo nel contempo ogni autorizzazione già concessa; 10) Progetto Cunicolo Esplorativo La Maddalena (TAV): richiesta al Ministero Infrastrutture e Trasporti del rispetto delle delibere CIPE da parte delle ditte aggiudicatrici; 11) Centrale a carbone di Montebello Ionico: Richiesta a Ministero Sviluppo, Ambiente ecc. in merito a infiltrazione mafiose nel progetto; 12) Elettrodotto Udine Ovest-Redipuglia: richiesta a Ministeri Sviluppo e Ambiente per superare le “super grid” interesse di pochi e implementare le “smart grid”; 13) Intimidazioni imprenditore De Masi: richiesta ai Ministeri Interno e Sviluppo Economico di misure di protezione previste per De Masi, imprenditore etico modello di legalità a Gioia Tauro; 14) Mobilità lavoratori del Centro Ricerche “Giulio Natta” di Ferrara: richiesta al Ministero dello Sviluppo Economico di impedire la messa in mobilità dei dipendenti di una multinazionale chimica; 15) Spostamento marines a Sigonella: si chiede se il governo sia stato informato, se le FFAA siano state coinvolte, se lo spostamento rappresenti una definitiva militarizzazione; 16) Ulivi pugliesi: si chiedono disposizioni di tutela del paesaggio e lo stop all’abbattimento di ulivi centenari in Puglia; 17) Gasdotto Adriatico: si chiede di rinunciare al passaggio appenninico del gasdotto Brindisi-Minerbio a causa di rischio sismico; 18) Morte di Giuseppe Uva: si chiedono iniziative ispettive presso la Procura di Varese per attivare un’azione disciplinare verso i responsabili.

Un ringraziamento per la comunicazione dei dati parlamentari, a Gianluca Perseo.

Annunci

64 risposte a “I primi 50 giorni del M5S

  1. Se Il M5S avesse fatto nascere il governo Bersani, in primo luogo avrebbe messo definitivamente una pietra tombale su Berlusca, impedendogli di fare i danni che sta facendo, e avrebbe avuto molta piu’ influenza nel far passare parte dei suoi provvedimenti

  2. Pingback: M5S: i militanti in Rete espellono la senatrice Gambaro - Pagina 8·

  3. Pensate a quello che poteva davvero ottenere il movimento se avesse accettato di far nascere il governo bersani! Senza dimenticare che se anche gli altri partiti avessero fatto la stessa scelta del movimento e cioè di non voler far nascere un governo le proposte che sbandieri come risultati le avreste potute presentare solo su internet, cioè nulla.

    • Egidio, guarda che sono d’accordo con te e non sto sbandierando risultati. Solo evidenzio dei fatti di cui a quanto pare nessuno parla. Poi ognuno li può leggere come positivi o negativi a seconda delle proprie valutazioni politiche. Mi sembra che siano molti provvedimenti, ma penso che avrebbero avuto più forza (sarebbero stati forse approvati) con l’appoggio di cui parli tu.

    • egidio, hai detto una cosa non vera, il pd-l non ha mai chiesto al M5S di stare al governo con loro:

      come vedi hai dato “disinformazione”, e la colpa non e’ tua, ma dovuta a quello che ti guardi in televisione, ossia informazione “di parte”!
      poi…..il “nulla” come dici tu a quanto pare “terrorizza” sia la dx che la sx, possiamo dire tutti? come mai? il paese chi lo ha “gestito” sino ad ora? ma ci rendiamo conto che all’estero veniamo derisi dalle continue “barzellette” che la nst politica ha fatto? comunque, ormai siamo allo “sbando”, e il peggio deve ancora arrivare! abbiamo un partito e un’oposizione che, in 20 anni non ha mai fatto valere una piccola legge che e’ il conflitto d’interesse….quindi l’alternativa a questa “coalizione” d’intese che si protrae da anni chi sono?
      informatevi bene prima di parlare che il M5S fa’ il “nulla”, e guardate gli “altri” cosa hanno fatto negli ultimi 20 anni e dove ci hanno portato!
      buona giornata a tutti!

    • Non c’è mai stata una proposta di governo condiviso. Lo hanno ammesso anche quelli del PD, al M5S hanno chiesto solo voti per la fiducia e nient’altro… non fatevi abbindolare!

  4. sarebbe FONDAMENTALE comunicare, delle proposte fatte, se sono state bocciate o approvate e da chi!!!!! in modo da offrire materia utlie a chi si riempie la bocca con i decreti del fare e poi boccia proposte UTILI

  5. Pingback: I primi 50 giorni del Movimento 5 Stelle | Pantelleria 5 Stelle·

  6. Ah, quindi quando al Tg1 ci raccontano che non stanno facendo niente ci prendono in giro. Beh, forse non è una gran scoperta; ma mi fa piacere avere notizie al riguardo.

  7. Grazie per l’ottimo aggiornamento. Avanti cosí e, anche se resteremo in eterno in opposizione (ma non succederá!) la mia crocetta marcherá sempre il M5S.

  8. Bravi!! fate girare pls!!! Supportiamo M5S che ha i media contro. Un piccolo suggerimento: migliorate la grafica magari rimpicciolendo leggermente i caratteri e aumentando un pò lo spazio ;)

  9. Grazie per il paziente lavoro che ci consente di renderci conto della grossa mole di lavoro svolta in 50 giorni dai nostri portavoce. Sarebbe da stamparla e farla ingoiare all’arteriosclerotico e al subnormale ospiti iersera alla trasmissione “In Onda”

  10. Oh!!! Finalmente qualcuno che scrive queste informazioni, e ci dà informazione! Non ne posso più di sentire pro e contro il movimento, con scarsità di dati.
    Grazie, davvero!
    G

  11. DANIELE 29 BARI.
    …..MI SODDISFA QUELLO CHE FINO AD OGGI AVETE FATTO MA MI RAMMARICA MOLTO UNA COSA CHE NON AVETE FATTO O NON SIETE RIUSCITI A PROPORRE E FAR APPROVARE. QUESTO: CONFISCA DEI BENI E CARCERE PER I POLITICI DISONOREVOLI.

  12. Grazie Roberto ne farò subito delle stampe…per riempire gli obiettivi delle telecamere che martedì 18 giugno invaderanno la nostra manifestazione davanti al Parlamento..e sarà un piacere..!

  13. Pingback: I primi 50 giorni del M5S | tremetriquadri·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...