Viviamo in un fumetto…


STATEN ISLANDER CHRIS POLLAK STEVE WHITE 3/9/10

Supereroi in carne e ossa

Se di notte nelle strade del Canada incontrate un tizio vestito metà di bianco e metà di nero con un caschetto da minatore in testa, è Man Polar , non pensate che sia matto, ha un compito: aiutare vecchi e bambini ad attraversare la strada e tenere d’occhio i vandali. E se nelle vie più buie di Portland vi imbattete in un giovane con una zeta bianca sulla tuta blu e azzurra, non pensate che in Oregon sia Carnevale: è Zetaman che presta pronto soccorso. A New York la notte si aggira Guardian Dark (sopra il titolo) con il suo costume nero blu e rosso: la sua funzione? Opere di carità, pattuglie anticrimine, aiuto ai senzatetto, visita ai malati in ospedale. FrecciarossaIn Florida vestito con calzoncini guanti e stivali azzurri sulla tutina rossa il pattugliatore si chiama Superhero, un muscoloso ex marinaio, ex poliziotto, pugile e atleta di Wrestler che ha deciso di dedicare il tempo libero a far beneficienza e soccorrere chi per strada ha problemi. Ma in Inghilterra nella regione di Whitley’s potete anche incrociare nientemeno che Batman Whitley’s e Robin che aiutano gli automobilisti in panne. Belfast è zona di Capitan Ozono e Hong Kong di Freccia Rossa (nella foto).

ZetamanL’altra faccia della beneficienza

Come ogni supereroe che si rispetti tutti loro indossano un costume che li distingue dagli altri comuni mortali. Il loro compito, da copione, è aiutare il prossimo. Lo fanno di notte quando le città si riempiono di nuove insidie: loro smettono i panni di normali cittadini per indossare lo speciale costume che nasconde la vera identità e incute timore tra i malfattori. A quel punto gli R.L.S.H. (così si chiamano dall’acronimo che significa Supereroe di Vita Vera) entrano in azione: portano da mangiare ai senzatetto, aiutano ad attraversare la strada, chiamano la polizia quando serve, sventano furti, danno una mano agli automobilisti in panne, sono deterrente per la criminalità, ma fanno anche azioni diverse: donano sangue, tengono puliti i parchi, fanno visita agli orfanotrofi, sono volontari dei vigili del fuoco, cercano persone scomparse, e scovano pedofili in rete.

I supereroi sono attivi in tutto il mondo a partire dagli Usa fin dagli anni Settanta, ed esistono anche in Italia, come mostra Datemi un mantello, documentario di Silvestro Ferrara in cui compaiono Guardiano di Bergamo, Cuorenero di Firenze, Confessore di Chieti, Powerman di Roma, Darkwing di Crotone.

 

Superheroes Made in Italy

Mentre negli Stati Uniti questi paladini dei bisognosi sono riconosciuti e aiutati con donazioni, in Italia non c’è niente di tutto questo. Esiste il gruppo Rivendicatori fondato da Entomo, il primo R.L.S.H. della penisola. Eccone un video promozionale in cui compaiono alcuni suoi colleghi tra cui una ragazza, Lunar Veil .

DeathsHeadBuoni che si vestono da cattivi

Certo, trovarsi faccia a faccia di notte con un tizio vestito a metà strada tra Robocop e un agente antisommossa e che indossa magari la maschera di Hannibal Lecter, non mette proprio tranquilli e qualcuno potrebbe pure credere di trovarsi di fronte a un malintenzionato; cosa che non capitava a Superman che la stima se l’era conquistata sul campo, lo conoscevano tutti e faceva paura solo ai cattivi. In fatto di costumi, si sa, ogni supereroe sceglie quello che più si addice alla sua personalità, a seconda che voglia o meno incutere paura. Va detto che i più scelgono versioni poco tranquillizzanti. Ma si sa, anche per loro sarà la pratica a creare abitudine; ci vorranno tempo e pubblicità prima che tutti noi sappiamo che i supereroi nostrani stanno dalla parte dei buoni.

Video di SE7VEN di Mantova. 

Domanda finale. Ma per fare volontariato è proprio necessario bardarsi così? La risposta è scontata, però se qualcuno piace… Perché no?

ISTRUZIONI PER L’USO: Attenzione, gli R.L.S.H. vengono forniti senza super poteri in dotazione (al momento).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...