Islam in crescita


ISISHackL’Islam radicale fa presa in rete

 

Lo Stato Islamico entra sempre più prepotentemente in Internet. Lo ha detto Alexander Shumilin, capo della partnership non commerciale di media contro il terrorismo e l’estremismo alla conferenza Terrorismo e media online svoltasi a Sochi a fine settembre. Nel 2014 il numero di account del gruppo terroristico Stato Islamico sui social media è quasi triplicato rispetto all’anno prima, passando da 4.378 a 11.902. Nel 2008, i radicali di account sui social media ne avevano soltanto due.

russe islamicheUn settimo dei russi è islamico

E a proposito di Russia, va detto che la popolazione di religione musulmana rappresenta un settimo del totale. La Tass ricorda che per i 20 milioni di musulmani che vivono nel Paese, negli ultimi vent’anni sono state costruite oltre 8.000 tra moschee e scuole islamiche. Sembrano molte, ma è la metà del numero di quando la Russia era governata dagli zar: allora c’erano più di 15.000 tra moschee e spazi organizzati; mentre nel 1991, dopo la fine del comunismo, ne sono stati lasciati soltanto cento.

3 risposte a “Islam in crescita

  1. Caro Franco, siccome la storia (sempre con molto ritardo) ci insegna che dietro i fatti più efferati che coinvolgono la collettività in genere c’è sempre lo zampino del potere (lo Stato, le lobby, potentati economici…) che ricerca il modo più diretto o indiretto per raggiungere i suoi obiettivi economici e geopolitici (le due cose in fondo coincidono), mi sono abituato a ragionare da dietrologo. Quindi anche in questa faccenda ho sentito puzza di bruciato. Mi chiedo sempre a chi giova un dato comportamento e chi lo ha determinato in prima battuta causando un disequilibrio a cui corrisponde una inevitabile reazione. Se dietro Isis ci sia il potere occulto dell’Occidente non so; di certo le varie guerre del golfo hanno giovato ad alcuni potentati occidentali e non certo agli iracheni. Può anche essere che tutto sia come sembra e che da questa parte del mondo qualcuno si limiti (al momento) a fregarsi le mani per le conseguenze della guerra totale all’Isis che è già iniziata e che andrà avanti per anni. In fondo Hitler era un prodotto autoctono non certo ispirato dagli americani, anche se con essi continuava a commerciare quasi fino alla fine (i soldi macchianti di sangue per qualcuno non puzzano mai). Tutto può essere. L’unica cosa certa che sappiamo è che ci va sempre di mezzo la gente normale: siano iracheni, siriani, yemeniti bombardati e mitragliati o occidentali sgozzati o vittime di attentati.

    • Certamente Hitler finché non ha perso totalmente il senso della realtà faceva comodo a oriente come a occidente e tutti hanno fatto buoni affari con lui, ma é la storia di tutti i “cattivi”……prima fanno comodo poi quando diventano troppo arroganti vengono considerati “cattivi, pensa a Stalin, senza di lui probabilmente avremmo avuto i Nazisti a dominare l’Europa o buona parte di essa per molti più anni, ma poi quando si é capito che voleva semplicemente prendere il posto del baffino e dominare lui é diventato un “cattivo” e così quasi tutti i dittatori. Ma queelo che non riesco a capire é se questo ISIS esista veramente, se sia veramente uno stato, se abbia veramente un esercito….o se piuttosto non siano una banda (grossa finchè vuoi) di scalmanati che però fanno comodo a tutti, sia a quelli che li armano che a quelli che (non avendoli armati) vogliono annientarli, anche perchè i sistemi bellici hanno necessità di essere usati, collaudati….Pensa solo al nostro Lince, l’Iraq è stato un campo di collaudo incredibile e ottimo e prima ha reso in quanto veniva retribuito anziché costare, poi ha fatto vendere migliaia di “pezzi” che fra oggetto e ricambi mi sembra di avere capito che passi il milione ciascuno…..butta via

  2. c’è qualcosa che in tutta questa storia non capisco e non mi convince. Mancano foto, mancano testimonianze, manca tutto. le immagini che si vedono sono costruite o non attribuibili al soggetto. le foto dei miliziani sono sempre le stesse da anni, non si parla mai di prigionieri che ci possano testimoniare qualcosa. sembra quasi che questo ISIS sia una sorta di invenzione mediatica. Non era mai accaduto prima che ci fosse un nemico così “invisibile”. tutti ne parlano ma nessuno ne sa qualcosa. Tu come la vedi?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...