Calcio giocato


A Padova derby col Vicenza. Favoriti i padroni di casa

 

E’ di nuovo ora, per la prima volta dopo tanti anni, del derby più sentito a Padova: quello con i cugini della Lanerossi Vicenza. E poco importa che sia di sera, che probabilmente pioverà, che uno potrebbe vedersela comodamente a casa spaparanzato sul divano. Al cuore non si comanda. Lo testimoniano i numeri delle due tifoserie, tra le squadre con più abbonati dell’intera LegaPro: oltre 4.000 abbonati il Vicenza, oltre 3.500 il Calcio Padova, penalizzato da uno stadio che è il più capiente del Veneto dopo il Benetegodi di Verona, ma anche oggettivamente uno dei meno amici del calcio, con le tribune a distanza siderale dal campo, per non parlare delle curve. Particolare questo che non pare interessare ai vicentini, abituati ad un’arena di casa vecchio stile, un Menti che sa emozionare anche in gradinata. Già duemila sono infatti i biglietti staccati per il settore ospiti all’Euganeo. E per la sera del 18 settembre saranno certamente un altro migliaio quelli che si aggiungeranno allo stadio. Sommati ai padovani, si raggiungerà quasi sicuramente il record stagionale con stime che ipotizzano quasi novemila spettatori paganti allo stadio di viale Nereo Rocco.

Insomma scommessa vinta quella di posticipare proprio il derby veneto. Ed a proposito di scommesse, la stima dei bookmakers danno un monte di pronostici piazzati che dovrebbe superare i due milioni di euro. Le quote premierebbero, ma non in maniera molto marcata, una vittoria casalinga del Padova vicina al 3. Segno che è il Vicenza il favorito. D’altro canto la squadra vicentina si presenta all’Euganeo imbattuta: percorso netto che ha portato la Lanerossi in vetta alla provvisoria classifica di girone con 9 punti. Tre invece li ha il Padova che ha perso la prima in trasferta e vinto la gara di casa prime di osservare un turno di riposo.

Ed osserveranno un minuto di silenzio tutti allo stadio Euganeo prima dell’inizio della gara, dato che sarà la prima gara dei biancoscudati successiva alla scomparsa di Humberto Rosa, il “panzer” argentino, ma ormai padovano, ultimo giocatore dell’11 titolare allenato da Nereo Rocco: fu quello il Padova più forte di tutti i tempi, con Aurelio “Lello” Scagnellato a fare da capitano e un Rosa che giocò 150 partite con quella maglia che gli entrò nel cuore, tanto da fargli scegliere di vivere a Padova dopo le esperienze a Torino, sponda Juventus, ed a Napoli. Ci sarà un piccolo vuoto in tribuna est, dove Rosa fino a quando la salute gliel’ha permesso, ha visto tutte le partite di casa. Forse qualcuno sul seggiolino dove l’ex biancoscudato si sedeva, qualcuno porterà un fiore.

 

Annunci

2 risposte a “Calcio giocato

  1. Nota a margine:dalla presente stagione 2017/18 il torneo ove battagliano tra le altre Padova e Vicenza si chiama Serie C, non più Lega Pro, come nel 1977/78, ultima edizione sotto questa “etichetta”!

  2. Ottime Considerazioni, al di sopra di diatribe e scorrettezze verbali varie, complimenti per la Vera Sportivita’ !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...