Cina blindata


La “peste” del 2020

Intere città che tengono prigionieri al loro interno milioni di cittadini. Operai al lavoro per riempire di terra e massi le strade così da impedire l’accesso o la fuga con automezzi. Stazioni e aeroporti chiusi e sorvegliati dalla polizia. Non si era mai visto. Probabilmente nemmeno nei film catastrofisti e di fantascienza. Per un’influenza, o meglio per un virus che non si sa da dove sia sbucato. Qualcuno dice dai serpenti, qualcuno dai pipistrelli, qualcuno parla di un laboratorio militare in cui sarebbe stato costruito… Quel che è certo è che le autorità cinesi stanno (in ritardo) facendo le cose in grande, come mai prima d’ora per arginare gli effetti di questo coronavirus. Cosa significa coronavirus? Lo spiega Epicentro, portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, a cura dell’Istituto Superiore di Sanità. Copio e incollo: I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate, dal comune raffreddore a sindromi respiratorie come la MERS (sindrome respiratoria mediorientale, Middle East respiratory syndrome) e la SARS (sindrome respiratoria acuta grave, Severe acute respiratory syndrome). Sono chiamati così per le punte a forma di corona che sono presenti sulla loro superficie.

I coronavirus sono comuni in molte specie animali (come i cammelli e i pipistrelli) ma in alcuni casi, se pur raramente, possono evolversi e infettare l’uomo per poi diffondersi nella popolazione. Un nuovo coronavirus è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell’uomo.

I coronavirus umani conosciuti ad oggi, comuni in tutto il mondo, sono 7: i primi identificati a metà degli anni Sessanta e alcuni nel nuovo millennio.

 

Coronavirus umani comuni

1 – 229E (coronavirus alpha)

2 – NL63 (coronavirus alpha)

3 – OC43 (coronavirus beta)

4 – HKU1 (coronavirus beta)

 

Altri coronavirus umani

5 – MERS-CoV (il coronavirus beta che causa la Middle East respiratory syndrome)

6 – SARS-CoV (il coronavirus beta che causa la Severe acute respiratory syndrome)

7 – 2019 Nuovo coronavirus (2019-nCoV)

E’ quest’ultimo che sta preoccupando il mondo. E’ associato a un focolaio di casi di polmonite registrati nella città cinese di Wuhan a partire dal 31 dicembre scorso. I due terzi dei primi casi registrati si riferivano a persone che erano state al mercato all’ingrosso di frutti di mare e animali vivi di Huanan Seafood, nel sud della Cina (provincia di Hubei): per cui si può dire sia partita da lì l’infezione, anche perché dei 575 campioni animali esaminati, in 33 era presente il virus. Questo mercato all’ingrosso di frutti di mare e animali vivi si estende su 50.000 metri quadrati ed è il più grande della Cina centrale, vicino alla stazione ferroviaria di Hankou. Tra gli animali che vi si vendevano prima della chiusura, figuravano: pipistrelli, ratti, lontre, zibetti, castori, coccodrilli, cani, volpi, marmotte, salamandre, serpenti velenosi, cuccioli di lupo, tartarughe, maiali, struzzi.

Sempre secondo l’Istituto Superiore di Sanità

 

Come si trasmettono i coronavirus

Con la tosse, gli starnuti, la saliva; stringendo una mano infetta senza poi lavarla subito; toccando qualcosa di contaminato e mettendo le mani non lavate su bocca, naso o occhi.

 

Come ridurre i rischi di contagio

Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone (o con soluzioni alcoliche) per almeno 20 secondi

Evitare di toccare gli occhi, il naso o la bocca con mani non lavate

Evitare contatti ravvicinati con persone che sono malate o che mostrino sintomi di malattie respiratorie (tosse e starnuti)

Evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e bevande non imbottigliate

Pulire e disinfettare oggetti e superfici che possono essere stati contaminati.

Nel caso di persone raffreddate: starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, utilizzare una mascherina e gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso. Rimanere a casa se si hanno sintomi. È possibile alleviare i sintomi assumendo farmaci per i dolori muscolari, articolari e per la febbre.

 

I consigli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

L’OMS ha diramato le seguenti raccomandazioni generali:

Evitare il contatto stretto con soggetti affetti da infezioni respiratorie acute

Lavare frequentemente le mani, in particolare dopo contatto con persone malate o con il loro ambiente

Evitare contatti non protetti con animali di fattoria o selvatici

Persone con sintomi di infezione acuta delle vie aeree dovrebbero mantenersi a distanza, coprire colpi di tosse o starnuti con fazzoletti usa e getta o con i vestiti e lavarsi le mani

Rafforzare, in particolare nei Pronto soccorso e nei dipartimenti di medicina d’urgenza, le misure standard di prevenzione e controllo delle infezioni.

Qui gli aggiornamenti sulla situazione del virus: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/2019-nCoV

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...