Laboratorio Covid19


 

Siamo cavia e ricercatore

Bloccati in casa, viveri razionati, guanti e mascherine di fortuna, file fuori dai negozi di prima necessità, mezzi pubblici fermi, bar, cinema, teatri, stadi, tutto chiuso. Lavoro niente o molto poco, tempo libero tanto. Controlli di polizia sui permessi di uscita (per validi motivi). Disabitudine alla vita senza amici e colleghi, disabitudine alla somministrazione dei figli più di una – due ore al dì. Silenzio fuori, casino dentro.

Ognuno di noi, senza rendersene ancora conto, vive da qualche giorno chiuso nel proprio laboratorio dove effettua un esperimento scientifico. Tuttavia non si sente affatto lo scienziato, quanto piuttosto la cavia. Eppure è sia cavia sia sperimentatore. Siamo il topolino da osservare mentre si dibatte in poco spazio a contatto con i suoi familiari oppure in totale solitudine; ma siamo allo stesso tempo l’osservatore sopra la cassetta in plexiglas in cui la cavia si muove, mangia, fa i suoi bisogni, dorme, sogna.

Più sapremo salire in alto verso l’osservatore e meglio vivremo questa situazione angosciante. Astrarsi per quanto possibile dal viversi come la vittima dell’esperimento, avere pazienza, mettere a frutto le proprie passioni e riuscire a trarre utili riflessioni dalla situazione, potrebbe rivelare grandi positive sorprese per l’umanità. La nostra innanzitutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...