Meditazione della morte


Meditazione della morte

 

L’assalto del male è di breve durata; somiglia a un temporale, passa di solito dopo un’ora. Chi potrebbe sopportare a lungo questa agonia? Ormai ho provato tutti i malanni e tutti i pericoli, ma nessuno per me è più penoso. Perché? In ogni altro caso si è ammalati; in questo ci si sente morire. Perciò i medici chiamano questo male “Meditazione della morte”: talvolta infatti tale mancanza di respiro provoca il soffocamento. Pensi che ti scriva questa cosa per la gioia di essere sfuggito al pericolo? Se mi rallegrassi di ciò, come se avessi riacquistato la perfetta salute, sarei ridicolo come chi credesse di aver vinto la causa solo perché è riuscito a rinviare il processo.

 

Potrebbe essere la lettera di un malato di Covid19, invece a scrivere questa (e altre 123 indirizzate al suo discepolo pompeiano Lucilio, poeta e governatore di Sicilia) fu dall’anno 62 al 65 il filosofo romano Seneca (nato a Cordova in Spagna nel 4 a.C.), come una sorta di compendio delle regole per una vita giusta. Lui, preda per tutta la sua esistenza di attacchi che gli toglievano il respiro, invita tutti noi a dare un senso alla vita.

 

 

Il giusto valore al tempo

Nella prima lettera redatta tre anni prima che l’imperatore Nerone lo invitasse a suicidarsi piuttosto che finire giustiziato su suo ordine, Seneca così scrisse…

 

1 Comportati così, Lucilio mio, rivendica il tuo diritto su te stesso e il tempo che fino ad oggi ti veniva portato via o carpito o andava perduto raccoglilo e fanne tesoro. Convinciti che è proprio così, come ti scrivo: certi momenti ci vengono portati via, altri sottratti e altri ancora si perdono nel vento. Ma la cosa più vergognosa è perder tempo per negligenza. Pensaci bene: della nostra esistenza buona parte si dilegua nel fare il male, la maggior parte nel non far niente e tutta quanta nell’agire diversamente dal dovuto.

2 Puoi indicarmi qualcuno che dia un giusto valore al suo tempo, e alla sua giornata, che capisca di morire ogni giorno? Ecco il nostro errore: vediamo la morte davanti a noi e invece gran parte di essa è già alle nostre spalle: appartiene alla morte la vita passata. Dunque, Lucilio caro, fai quel che mi scrivi: metti a frutto ogni minuto; sarai meno schiavo del futuro, se ti impadronirai del presente. Tra un rinvio e l’altro la vita se ne va.

3 Niente ci appartiene, Lucilio, solo il tempo è nostro. La natura ci ha reso padroni di questo solo bene, fuggevole e labile: chiunque voglia può privarcene. Gli uomini sono tanto sciocchi che se ottengono beni insignificanti, di nessun valore e in ogni caso compensabili, accettano che vengano loro messi in conto e, invece, nessuno pensa di dover niente per il tempo che ha ricevuto, quando è proprio l’unica cosa che neppure una persona riconoscente può restituire.

4 Ti chiederai forse come mi comporti io che ti do questi consigli. Te lo dirò francamente: tengo il conto delle mie spese da persona prodiga, ma attenta. Non posso dire che non perdo niente, ma posso dire che cosa perdo e perché e come. Sono in grado di riferirti le ragioni della mia povertà. Purtroppo mi accade come alla maggior parte di quegli uomini caduti in miseria non per colpa loro: tutti sono pronti a scusarli, nessuno a dar loro una mano.

5 E allora? Una persona a cui basta quel poco che le rimane, non la stimo povera; ma è meglio che tu conservi tutti i tuoi averi e comincerai a tempo utile. Perché, come dice un vecchio adagio: “È troppo tardi essere sobri quando ormai si è al fondo.” Al fondo non c’è solo il meno, ma il peggio. Stammi bene

 

Le Lettere a Lucilio di Seneca:

http://www.ousia.it/SitoOusia/SitoOusia/TestiDiFilosofia/TestiPDF/Seneca/LETTERE.PDF

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...