Chi boicotta e chi no


In Russia sono già 152 grosse aziende occidentali ad aver lasciato il paese dopo la guerra scatenata in Ucraina. Altre 181 hanno sospeso l’attività e 84 hanno ridotto le operazioni. Lo sostiene uno studio della statunitense Yale School of Management. Ma ci sono altre 27 realtà che hanno invece confermato le operazioni, seppure con diverse modalità. Tra le imprese rimaste ci sono le francesi Total (bloccano solo i nuovi progetti), la Renault (produce la nuova Lada) e le catene commerciali Auchan e Leroy Merlin. Rimangono le americane Koch Industries, i franchising che come tali non possono lasciare: Burger King e SubWay (quest’ultimo devolverà gli utili all’Ucraina), mentre le farmaceutiche Pfizer e Bayer non possono andarsene per tutelare la salute della popolazione. E ci sono anche le italiane: Pirelli (ha diminuito la produzione) e le banche Unicredit e Intesa San Paolo.

Video tg Sky tg24

https://video.sky.it/news/economia/video/quali-sono-le-aziende-occidentali-che-sono-rimaste-in-russia-736913

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...