Vaccino tardivo. 2 mesi intubato e senza memoria: “Ora mi insegnano a camminare”


Mi hanno preso per i capelli! Riassume così la sua terribile esperienza Covid un mio amico professionista genovese. Ma poi spiega meglio al telefono, dal suo letto di ospedale al San Martino di Genova; anche se il racconto dopo pochi minuti si interrompe per una terapia e alla ripresa Marcello mi chiede di richiamarlo dopo due giorni… Il mio amico ha 62 anni e mi chiede di rimanere anonimo.

Come mi sono ammalato? Essendo allergico ai pollini avevo preso molti antistaminici e pure il vaccino specifico e per questo ho tardato a prenotare la prima dose di vaccino per il Covid, sono stato un cretino! Ero in lista per il 18 settembre, ma nella notte tra il 2 e il 3 settembre, dopo qualche giorno di malessere, mi sono sentito improvvisamente a pezzi e mia sorella ha chiamato il 118. Sono arrivati tutti bardati e mi hanno immediatamente infilato in testa il casco giallo per desaturare. Avevo la febbre molto alta, non so nemmeno quanto. Mi hanno praticato subito un foro in gola per la tracheotomia. Da quando sono stato intubato non ricordo più nulla, niente dei due mesi in cui sono stato in coma. Non so neanche se in coma ci sono andato da solo o se è stato indotto dai medici per curarmi al meglio con la sedazione; so però che mi hanno anche sottoposto alla dialisi perché il Covid mi ha preso diversi organi tra cui i reni. Essendo stato spostato da un reparto all’altro non ho contatti con chi mi ha assistito inizialmente, così ancora non ho informazioni complete su quello che è successo. I ricordi riprendono quando sono uscito dalla rianimazione, due mesi più tardi. So che prima ero stato in reparto Covid e poi in terapia intensiva. Passati due mesi hanno cominciato a darmi da bere una gelatina con un cucchiaino e da mangiare delle pappette con il cucchiaio. Quando mi hanno tolto il tubo dalla gola ci è voluta una settimana perché riuscissi nuovamente ad alimentarmi da solo. Mi hanno detto che probabilmente uscirò a gennaio: tanto i ci vorrà per recuperare la forza muscolare e il coordinamento delle gambe: in tre mesi ho perso oltre 20 kg. Ero sovrappeso e pure iperteso, quindi un soggetto ottimo per il virus. Sono qui in una camera isolata, ho diritto a un massimo di due visite alla settimana e quando viene mia sorella deve proteggersi come i sanitari con camici, mascherina, guanti usa e getta. Grazie al cellulare che mi hanno dato appena mi sono risvegliato, ho potuto comunicare con l’esterno e questo mi ha tirato su il morale. Guardo la tv – prende un solo canale Rai – e seguo i servizi sulla pandemia: provo fastidio per la stupidità che vedo fuori: il vaccino dovrebbe essere obbligatorio perché non è possibile controllare che i giovani non si avvicinino tra loro e che sui trasporti si mantengano le distanze; ci vorrebbero severità e multe. Non vaccinarsi è assurdo: mal che vada il vaccinato si prende il virus in forma lieve e con Tachipirina e antibiotico passa. Io invece dopo due mesi di vuoto assoluto devo imparare di nuovo a stare in piedi, fisicamente intendo. Ho perso i muscoli e mi stanno insegnando con fisioterapia e logopedia a riacquistare i gesti normali. Poi verranno deambulazione e cyclette.

Sono stanco, dormo poco, ora ho ripreso a mangiare, ma vivo male questa esperienza, l’unica soddisfazione è il fatto di poterla raccontare. Devo moltissimo al personale medico e infermieristico della terapia intensiva, della rianimazione e della riabilitazione. Gli ospedali di Genova hanno già i letti pieni nelle terapie intensive e il personale scarseggia: medici e infermieri lavorano tantissimo facendo turni su turni anche per i colleghi No Vax che sono stati sospesi.

I ricordi? Da quando è comparsa la febbre è tutto nebuloso, poi un flash di quando sono venuti a prendermi a casa e l’intontimento provato uscendo dal coma. E’ una fortuna che non ricordi niente perché di trattamenti me ne hanno fatti tanti, per i reni, per i polmoni, per il cuore. Ora penso che un giorno tornerò a casa, riprenderò la mia vita, ma quel momento è ancora distante. L’unica cosa positiva di questa esperienza è che mi hanno potuto fare un completo check-up. Grazie ancora a tutti… Vaccinatevi!    

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...